Home » Vivere il Parco » News » Newsletter

Tenuta di San Rossore, i cinquant’anni del Diploma europeo delle aree protette festeggiati con un workshop internazionale con 27 paesi europei

(19 Maggio 2015) -  In occasione della giornata internazionale della biodiversità (22 maggio), che anticipa di appena quarantotto ore la giornata dedicata in tutta Europa ai parchi, nella ex tenuta presidenziale di San Rossore si terrà l'evento voluto dal Consiglio d'Europa per festeggiare il Cinquantesimo anniversario dell'istituzione del Diploma europeo delle aree protette

Il 21 e 22 maggio prossimi la Tenuta di San Rossore ospiterà un workshop internazionale col quale il Consiglio d'Europa ricorderà i cinquant'anni del  Diploma europeo delle aree protette, una "certificazione di qualità" assegnata dal Consiglio d'Europa ad aree protette naturali o semi-naturali d'interesse europeo, capaci di garantire, con i propri strumenti di gestione, un'adeguata conservazione della biodiversità e delle diversità geologiche e paesaggistiche; il Diploma è uno dei premi internazionali più prestigiosi, tra i più difficili non solo da ottenere ma anche e soprattutto da mantenere.

Nei mesi scorsi il Consiglio d'Europa aveva accolto, tra oltre settanta parchi in tutto il Vecchio continente assegnatari del diploma, la candidatura del Parco naturale Migliarino San Rossore Massaciuccoli, che aveva proposto di far svolgere il seminario internazionale che celebrerà la ricorrenza nella sua tenuta di eccellenza. L'evento, che per la sua importanza ha ottenuto l'alto patronato del Presidente della Repubblica ed il patrocinio del Ministro dell'Ambiente e della Regione Toscana, si svolgerà in collaborazione con Europarc Federation.

Il workshop è destinato a quasi un centinaio di persone in rappresentanza di 27 paesi provenienti da tutta Europa, tra gestori di aree protette in possesso del Diploma europeo, esperti del Consiglio d'Europa e tecnici del settore che, scambiando esperienze e condividendo buone pratiche di gestione, discuteranno delle sfide che i parchi devono affrontare in un mondo sempre più interconnesso in cui la tecnologia e la globalizzazione stanno cambiando la percezione della gente dell'ambiente naturale e il ruolo stesso delle aree protette.

Sito web dell'evento (Consiglio d'Europa): http://www.coe.int/t/dg4/cultureheritage/nature/Diploma/50Anniversary_2015_en.asp

Il Diploma europeo delle aree protette

Il Diploma europeo delle aree protette viene assegnato fin dal 1965 dal Consiglio d'Europa – un'organizzazione internazionale indipendente dagli organi della Comunità europea (da non confondere con il Consiglio europeo), il cui scopo è promuovere la democrazia, i diritti dell'uomo, l'identità culturale europea e la ricerca di soluzioni ai problemi sociali in Europa, e che conta oggi 47 stati membri – ad aree protette naturali o semi-naturali che siano di interesse europeo dal punto di vista della conservazione della diversità biologica, geologica o paesaggistica e che godano di una protezione adeguata.
Il Diploma viene assegnato per un periodo di cinque anni ed è rinnovabile. Di solito vengono allegate al riconoscimento condizioni o raccomandazioni, in modo da stimolare enti gestori e autorità a mantenere un elevato livello di protezione. Il riconoscimento quindi, di livello europeo, premia la qualità della gestione tecnica ed amministrativa. La procedura di assegnazione è complessa e severa, e prevede una valutazione in loco da parte di esperti, nonché resoconti annuali.

In Italia sono sette le aree protette insignite del Diploma europeo delle aree protette: oltre al Parco Regionale di Migliarino, San Rossore, Massaciuccoli (dal 2005), il Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise (dal 1967), la Riserva Naturale Integrale di Sasso Fratino (dal 1985), la Riserva Naturale dell'Isola di Montecristo (dal 1988), il Parco Regionale della Maremma (dal 1992), il Parco Regionale delle Alpi Marittime (dal 1993) e il Parco Nazionale del Gran Paradiso (dal 2006).

Al Parco naturale Migliarino San Rossore Massaciuccoli il Diploma è stato conferito per la prima volta con la Risoluzione n. 16 del 15 giugno 2005 del Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa; la cerimonia di consegna del diploma si svolse in occasione della festa del Patrono del Parco, San Giovanni Gualberto, il 12 luglio 2005, alla presenza di autorità del Consiglio d'Europa, del Ministero dell'Ambiente, della Regione Toscana e dell'Ente Parco. Nel mese di marzo 2010 il gruppo di specialisti del Consiglio d'Europa ha rinnovato per altri 10 anni il Diploma europeo al Parco, confermando il giudizio positivo sull'eccezionale valore naturale, culturale e paesaggistico dell'area protetta e sulla bontà della sua gestione.
Tra le caratteristiche principali riconosciute al Parco di San Rossore, sono citati i valori naturali
– in particolare la compresenza di vegetazione boreale e mediterranea, di foreste umide relitte, di un lago circondato da palude e di dune costiere di grande interesse – gli elementi paesaggistici, come le grandi tenute storiche e le ampie foreste, e quelli culturali, con numerose testimonianze storiche come le prime tracce che risalgono al neolitico, la basilica di San Piero a Grado dell'XI secolo, le tenute e le fattorie istituite tra il XVI e il XVIII secolo.



Contatti stampa per l'Ente Parco regionale Migliarino San Rossore Massaciuccoli: Enrico Lippi / cell. 392 8309407