Home » Vivere il Parco » Cosa fare

Pesca

Attività di pesca sportiva nelle acque del Fiume Morto - Modalità di fruizione

E' stato approvato con Deliberazione del Consiglio Direttivo dell'Ente Parco n. 18 del 24/04/2018 il Disciplinare per l'Accesso e la Fruizione del Territorio della Tenuta di San Rossore

Il Parco, a livello sperimentale, consente agli interessati una possibilità di escursione ambientale, raggiungendo la costa, con facoltà di esercitare la pesca sportiva. Essendo prevalente l'interesse di educazione ambientale, l'escursione è aperta a tutti i fruitori, quindi anche ai non pescatori.
A tal fine viene individuata una specifica area (Area B stagionale Foce Fiume Morto) corrispondente alla foce del Fiume Morto Nuovo, dai punti più foranei (nella loro naturale formazione, senza cartelli) a 200 metri a monte, sulla sponda sinistra (sud), con limite indicato in loco da appositi cartelli. La predetta area è meglio specificata nell'allegata planimetria.
In considerazione che l'area di cui sopra è in territorio sottratto al libero accesso, i fruitori non potranno allontanarsi dalla stessa.
 Il periodo di accesso è dal 1 aprile al 30 settembre, dal martedì al venerdì, esclusi i festivi.
-Il numero massimo delle persone ammesse giornalmente è fissato in dieci persone. Il limite di presenza è stabilito al fine di conciliare le esigenze ricreative e di fruizione con le esigenze conservative del Parco. Il Parco, per qualunque necessità, può interrompere o sospendere l'accesso all'area. Nel periodo dell'attività di gestione faunistica nella zona di cui trattasi, l'accesso è sospeso.
Non è ammesso l'accompagnamento di terzi; chi desiderasse o avesse necessità di essere accompagnato dovrà far prenotare e pagare il biglietto giornaliero prescritto all'accompagnatore.
Con l'acquisto del biglietto i fruitori automaticamente dichiarano di essere a conoscenza che trattasi di luogo naturale, soggetto a imprevedibili eventi meteo o naturali, privo di qualsiasi riparo o servizio e di difficile comunicazione e che l'Ente Parco non assume alcuna responsabilità in relazione ad eventuali danni subiti dal pescatore in relazione a tale stato dei luoghi.
I biglietti sono rilasciati dal Centro Visitatori nel rispetto dei principi di trasparenza e rotazione tra tutti i richiedenti. La prenotazione e l'acquisto del biglietto avviene secondo le modalità specificate nel sito internet del Parco e presso il Centro Visitatori.
 L'accesso alla zona di pesca avviene esclusivamente mediante il mezzo messo a disposizione da parte del Parco o soggetto dallo stesso autorizzato, negli orari fissi stabiliti e resi noti al rilascio del biglietto. Non sono ammessi accessi con mezzi privati o diversi da quelli autorizzati dal Parco.


L'esercizio della pesca sportiva può essere svolto alle seguenti condizioni:

-1  chi effettua l'attività di pesca deve essere in regola con le norme vigenti in materia di pesca sportiva;
-2  il pescatore potrà esercitare la pesca dai posti naturali esistenti senza alterazione degli stessi e lasciando il luogo senza alcun rifiuto o residuo (avanzi di esche o pasture; residui di lenza e simili); il Parco si riserva di transennare o tabellare zone momentaneamente interdette alla pesca o al transito, con obbligo del pescatore di rispettarle;
-3  il pescatore potrà utilizzare non più di due canne, fisse o con mulinello, provviste ciascuna di un solo amo;
-4  non sono ammesse esche o pasture contenenti sangue o agenti chimici in qualsiasi forma; non è consentita la pasturazione con la larva di mosca carnaria (bigattino); non sono consentite esche di origine non mediterranea (es. verme coreano, giapponese e simili); è consentito l'uso del gambero vivo purchè di misura consentita; non è permesso l'uso del pesciolino vivo (cannaiola o anguillina compresa);
-5  ciascun pescatore potrà catturare non più di kg. 3 di pesce al giorno, con tolleranza nei casi di esemplari che eccedano singolarmente tale peso;
-6  le catture dovranno rispettare il numero massimo di capi e le misure minime riportate di seguito, calcolate dall'apice del muso fino alla estremità della pinna caudale:
Spigola ………………..   cm. 35 massimo 5 capi
Cefalo ……...………….  cm. 25 nessun numero massimo
Orata ……………..……   cm. 30 massimo 5 capi
Ombrina ……….………  cm. 30 massimo 3 capi
Pesce serra …………….cm 30 nessun numero massimo
-7 i pesci appartenenti alle specie sopra menzionate che non raggiungano le misure indicate, o appartenenti a specie diverse, dovranno essere prontamente sganciati e liberati sul posto;
-8 il pescatore dovrà usare contenitori appositi per mantenere i pesci pescati in vita fino a destinazione finale, con l'esclusione di sacchetti o borse di plastica.

Il costo del biglietto giornaliero è stabilito in €. 20,00 (euro venti), compreso il trasporto. Il biglietto dovrà essere conservato per l'intera giornata di pesca ed esibito a richiesta dei soggetti legittimati al controllo.

 SI RICORDA CHE LE PRENOTAZIONI  POTRANNO ESSERE EFFETTUATE  PRESSO IL CENTRO VISITATORI DAL MARTEDI' AL VENERDI' DALLE ORE 9.00 ALLE 13.00  ESCLUSIVAMENTE TELEFONANDO AL N. 050539253

Sponde del Fiume morto - Tenuta di San Rossore
(foto di Ciampi Mario)