Mercoledì 21 febbraio presso Sala Gronchi, all’interno della Tenuta di San Rossore, si è svolto in presenza ed in videoconferenza il secondo incontro formativo dell’anno per i volontari e per le guide consigliate del Parco, a cui hanno partecipato anche i ragazzi del servizio civile universale 2023-2024.

Tematiche affrontate – Tra gli argomenti trattati dal dottor Marco Del Frate, biologo naturalista dell’Università di Sassari, si ricordano la storia del lupo nel Parco, la funzione del branco e alcune curiosità riguardanti il comportamento e le caratteristiche ambientali delle zone predilette dalla specie.

Importanza del lupo nel Parco – Per anni l’eccesso numerico dei daini all’interno della Tenuta di San Rossore si è rivelato un grosso problema per la vegetazione del Parco che, a causa della dieta erbivora della specie, andava mano a mano scomparendo. Tale disequilibrio è arrivato a contare circa 4000 individui, decisamente in soprannumero rispetto ai circa 1000 utili al mantenimento del perfetto equilibrio dell’intero ecosistema della Tenuta. Con la comparsa del lupo nel Parco, insieme alle attività di gestione faunistica dei Guardiaparco, i daini sono diminuiti a circa 2000/2500. Leggi ancheI lupi di San Rossore aiutano l’ecosistema

La convivenza col lupo nel Parco è possibile – Il lupo (Canis lupus) è una specie tendenzialmente solitaria generalmente attiva dal tramonto alle prime ore dell’alba. Essendo un animale molto schivo non frequenta aree antropizzate, tuttavia è necessaria una collaborazione da parte dell’uomo affinché la convivenza nel Parco tra le due specie possa essere possibile. Perché questo accada è importante osservare alcune norme comportamentali, come tenere i propri cani al guinzaglio, i quali, appartenendo alla stessa specie del lupo, potrebbero indurlo a sentirsi sotto attacco.

Un accenno alla storia del lupo nella Tenuta di San Rossore – Dal 2021, all’interno della Tenuta di San Rossore, è stato registrato un evento di riproduzione tra gli individui alpha Lupo 1 e Lupo 4, con la definitiva formazione del branco a seguito della nascita di tre cuccioli avvenuta a novembre 2023.

Testo a cura di Giulia Borghi