La natura è una risorsa bella e preziosa, il contatto con gli habitat naturali aiuta far crescere la consapevolezza di quanto sia importante tutelare gli ecosistemi e fa bene anche alla salute psico-fisica delle persone. Ma l’ambiente va anche curato e pulito dagli scarti dell’uomo, per questo Acqua&Sapone e Federparchi danno vita al progetto “Curiamo l’ambiente, un passo alla volta”; una serie di appuntamenti per ripulire alcune zone di aree naturali protette in tutta Italia, da nord a sud. Un invito ai clienti di Acqua&Sapone a partecipare, come volontari, ad azioni concrete per proteggere le meraviglie della natura.

Sabato 8 giugno appuntamento alle 10 a Marina di Pisa, presso la Tenuta di Tombolo nel Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli. Punto di incontro presso il parcheggio in via Litoranea davanti al numero civico 32. Latitudine 43,6513939; Longitudine 10,2848396

Le iniziative di raccolta di rifiuti nei parchi sono aperte a tutti ed hanno lo scopo di preservare l’ambiente, riducendo l’inquinamento visivo e migliorando la qualità del paesaggio; proteggere la fauna e la flora, in quanto la rimozione dei detriti contribuisce a proteggere gli habitat naturali; a preservare la biodiversità ed a prevenire l’inquinamento del suolo, dell’aria e dell’acqua, dal momento che il corretto smaltimento dei rifiuti riduce il rischio di contaminazione ambientale e protegge le risorse naturali. Le giornate di “clean-up” sono anche attività di sensibilizzazione sulla tutela ambientale accompagnate da iniziative di conoscenza del territorio e dei suoi ecosistemi, esse contribuiscono anche a creare comunità e a far scoprire la biodiversità che ci circondo e che spesso non vediamo. Le azioni di clean-up dimostrano l’impegno concreto per la responsabilità sociale d’impresa e il suo rapporto con le comunità locali all’insegna della sostenibilità, affinché i clienti non siano solo consumatori ma abbiano l’opportunità di essere coinvolti nelle azioni di protezione dell’ambiente.

Le iniziative di pulizia delle aree protette promosse da Acqua&Sapone e Federparchi costituiscono, inoltre, l’occasione per comprendere come “anche un piccolo gesto conta ed è importante”. Le persone si incontrano, partecipano a dei briefing conoscitivi del territorio e ricevono l’attrezzatura e le indicazioni idonee su come procedere alle attività di cleaning. I gruppi di volontari vengono accompagnati nella scoperta del parco e delle sue caratteristiche, in un’esperienza diretta di conoscenza e partecipazione attiva che unisce la gestione responsabile dei rifiuti e l’importanza di preservare la bellezza del nostro ambiente.

Il programma
Ore 10 – Welcome partecipanti, saluti istituzionali Lorenzo Bani, presidente del Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli, Maria Villani responsabile progetti Federparchi, Daniele Costa gruppo Acqua&Sapone.
Ore 10.20 – Divisione in gruppi e consegna materiali: shopper con cappellino, cartina dei parchi e altro materiale informativo del parco, guanti, sacchi.
Ore 10.30 . Partenza dei gruppi dal punto di ritrovo: lungo il percorso i partecipanti, oltre a raccogliere i rifiuti, ascolteranno altre curiosità sull’area protetta e sul sistema italiano delle aree protette.
Ore 12.30 – Rientro dei gruppi con i sacchi, pesa dei sacchi e consegna per opportuno smaltimento
Ore 12.40 – Foto finale dei partecipanti e saluti con consegna degli omaggi a tutti i partecipanti.

Roberto Marino, Direttore Commerciale Acqua&Sapone: «È con grande orgoglio e con un sincero impegno verso la sostenibilità che annunciamo il proseguimento del percorso green con la collaborazione tra Acqua & Sapone For Charity e Federparchi. Dopo il successo dello scorso anno insieme agli amici di Treedom, siamo entusiasti di comunicare la collaborazione con Federparchi per riqualificare quattro aree verdi nel cuore dell’Italia. In un mondo in cui la conservazione ambientale è una priorità imprescindibile, ci sentiamo chiamati a fare la nostra parte. Come direttore commerciale, vedo questa iniziativa non solo come un dovere, ma come un’opportunità per dimostrare il nostro impegno concreto verso il verde e il benessere del nostro pianeta. Siamo davvero grati per la possibilità di giocare un ruolo attivo nel promuovere un cambiamento positivo e ci auguriamo che questa importante iniziativa insieme a Federparchi possa essere uno stimolo per coinvolgere sempre più persone nell’impegno di preservare la natura e la bellezza del pianeta in cui viviamo».

Luca Santini, presidente Federparchi: «La tutela degli habitat naturali necessita del contributo di tutti, a partire dalle singole persone. Tuttavia, per la sostenibilità, è di grande importanza il ruolo delle imprese. Lo è per quanto riguarda la responsabilità sociale e, soprattutto, per la creazione di comunità di clienti o utenti sensibili ai temi della conservazione della natura, come per il progetto ‘Curiamo l’ambiente’. Anche gesti apparentemente ‘piccoli’ come quelli di una campagna di pulizia del territorio, sono importanti. Non solo perché contribuiscono alla salvaguardia degli ecosistemi, ma perché aiutano a diffondere, con il contatto diretto, la consapevolezza di quanto sia importante il nostro capitale naturale».

Lorenzo Bani, presidente Parco Migliarino San Rossore Massaciuccoli: «Dobbiamo trovare un nuovo equilibrio tra uomo e natura, il ruolo dei Parchi deve essere quello di far crescere la consapevolezza di una svolta ambientale. Così anche nella Tenuta di Tombolo nel Parco, più conosciuta come litorale pisano con le località di Marina Tirrenia e Calambrone, va sviluppato un turismo ecosostenibile, a partire della gestione dei rifiuti e dai comportamenti delle persone che vivono questo bellissimo angolo di Pisa sul mare. La mattina di sabato, pulendo i rifiuti abbandonati nella vegetazione accanto ai parcheggi sulla litoranea, vogliamo lanciare un messaggio: tutti possiamo fare qualcosa per salvaguardare la natura. Ringrazio tutti quelli che parteciperanno a questa iniziativa, gli organizzatori, Federparchi, Acqua&Sapone e l’applicazione MayDayEarth che ci permette di segnalare e organizzare campagne di pulizia nel Parco».