Un piccolo albero che nel tempo cresce diventando sempre più robusto e radicato, alla stessa maniera con cui crescono i ricordi di persone, avvenimenti o animali da compagnia a cui si è particolarmente legati. «Nei giorni scorsi a San Rossore sono stati piantati 121 nuovi alberi nel contesto del Viale dei Legami, l’iniziativa nata da un’idea della professoressa Nadia Dalla Croce per ricordare la sorella, un’intuizione che è stata subito accolta e resa possibile dai nostri uffici – spiega il presidente del Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli Lorenzo Bani – sono tante le persone che amano e hanno nel cuore il nostro Parco, un grande valore affettivo che questo progetto amplifica celebrando i legami e gli affetti che rimangono per sempre vivi».

Tutti possono partecipare versando un contributo di 180 euro, risorse che l’Ente Parco utilizza per l’acquisto dell’albero, la sua messa dimora, l’irrigazione estiva e la realizzazione della targa con la dedica e con un qrcode che rimanda a contenuti ulteriori che si possono aggiungere come poesie, disegni, fotografie. In tre anni di Viale dei Legami sono già 366 i pini ed i lecci che sono stati messi a dimora sia sul viale del Gombo sia sul viale delle Aquile Randagie, i cannocchiali arborei che caratterizzano il paesaggio della Tenuta.

Le piantagioni vengono effettuate nel periodo tra la fine dell’autunno e l’inizio dell’inverno, perché è il momento più indicato per un efficace attecchimento degli alberi. Attualmente sono in corso le prenotazioni per l’autunno 2024, le persone interessate possono scrivere per informazioni a foreste@sanrossore.toscana.it: vengono inviate le indicazione ed il modulo per fare la richiesta.